Eric Johnson Day

di memecaster - accordiano #27954 | 20 luglio 2012 @ 16:30
Qualcuno lo chiama pomposamente Internet 2 (quel sistema di informazione in cui fruitore e produttore di contenuti coincidono). per me, più semplicemente è il coronamento di un mio pallino di sempre: coinvolgere gli accordiani nella produzione di informazione. Costruire contenuti assieme significa sommare le forze e i punti di vista, a creare un insieme che ha un valore ben maggiore delle singole parti che lo compongono. Ci abbiamo provato nel corso della nostra esperienza sulla carta, invitando gli accordiani alle riunioni di redazione. Ci riproviamo ora, coinvolgendoli nelle interviste. E' un modo per portare novità e freschezza, uscire dagli schemi delle nostre professionalità, costruire servizi più in sintonia con le aspettative di chi li legge. In questo ricco incontro con Eric Johnson - intervista, soundcheck, concerto - conoscendo la smodata passione di un Accordiano in particolare per il chitarrista di Austin, abbiamo deciso di farci affiancare da Memecaster, che ha fatto la sua parte in modo eccellente. (Alberto Biraghi)

Immaginate da bravi chitarristi quali siete di avere un vostro Hero, lo abbiamo tutti, uno o più di uno. Immaginate di aver passato buona parte della vostra vita da chitarristi ad aver consumato mani, occhi e orecchi nel tentativo di carpire ogni più piccolo segreto del suo playing, del suo rig o di aneddoti più o meno leggendari che in un certo qual modo possano far assomigliare il vostro stile al suo. Bene, ora immaginate di scoprire che il vostro Hero abbia scelto di venire ad esibirsi proprio ad una manciata di chilometri da casa vostra. E’ la grande occasione, mi dico, finalmente lo vedrò all’opera da essere umano e non più digitalizzato in un video o in un cd! Ma non basta ancora, perchè il desiderio di fermare nella mente l’attimo e l’emozione che solo l’incontro reale e non mediatico ti può offrire ti spinge a fantasticare, ad immaginare quante e quali cose potresti chiedere e scoprire, come se una semplice stretta di mano ti potesse infondere ancora un po’ del tanto sapere musicale che ancora ti manca.
Pazzesco! Soprattutto perché in barba alla più comune superstizione che associa un rovente martedì di luglio al numero 17 mi è stata offerta la possibilità di partecipare come ospite all’intervista che Denis Buratto ha fatto per Accordo ad Eric Johnson.
La cosa va ben al di là delle mie più rosee aspettative, un quarto d’ora seduto di fronte all’idolo chitarristico di sempre nella pace di una hall d’albergo… incredibile!
Il resto è leggenda almeno per me che nonostante i più che suonati 40 anni mi sono sentito come un dodicenne pietrificato alla vista di Eric uscito dall’ascensore con l’immancabile Stratocaster nella borsa mordida appesa alla spalla (partirà subito dopo per il soundcheck) e fin dai primi attimi del nostro incontro mi rendo conto di avere di fronte una persona molto “easy”, che ci porge una sedia vicino al tavolo dove terrà l’intervista, attraversa la hall ad ampi passi verso il bar dove si prepara un the e ci chiede se ci occorre qualcosa.
Ascolto con calma l’intervista dove, per aggiungere mito alla mitologia scopro che alla fine Eric Johnson è un chitarrista entusiasta e appassionato del lavoro che fa, scrupoloso e maniacale certo ma molto esigente soprattutto da se stesso, e pur nascondendo dietro il suo atteggiamento pacato e quasi flemmatico una notevole rapidità nel pensare e descriversi si rivela però curioso e ben lieto di chiacchierare di “cose di chitarra” senza mai tirarsi indietro al punto da trasformare l’intervista in una sorta di chiacchierata. Uno di noi insomma! E dotato anche di un certo senso dello humor: naturalmente ho con me la Stratocaster sunburst da far autografare. Alla mia richiesta Eric acconsente di buon grado, ma un attimo prima di firmare si ferma, ci pensa su e mi chiede “tu vorresti una chitarra con il nome di un personaggio famoso… ma allora cosa scrivo… Eric Johnson o Eric Clapton?” tra le risate dei presenti.


Eric Johnson, tra mito e realtà potrei concludere ma per quanto mitico piacevolmente “ordinary people” e forse realmente stupito da tanta notorietà (anche se certame è un musicista di nicchia) nel nostro paese. Così come i componenti della band. In attesa del nostro turno per l’intervista incontriamo il bassista Chris Maresh. Gli vado incontro, gli tendo la mano e lo saluto chiamandolo per nome. Mi guarda come se fossi venuto dalla Luna e mi chiede come faccia a conoscere il suo nome. “So bene chi sei – rispondo “ Ho capito che non stava scherzando quando mi ha risposto “Ma qui allora sono famoso…” E a quel punto mi mancava ancora il concerto…
I sogni son desideri si dice, stavolta il mio si è avverato e il mio piccolo bagaglio musicale oggi ha in più un esperienza per me davvero preziosa per la quale ringrazio la Redazione di Accordo nelle persone di Gianni Rojatti e Denis Buratto. Loro il perché lo sanno bene!


Tutti i commenti

  • Wow!...super trip! ;-) ...
    di GianniJanaRojatti - accordiano DOC #17404 | 20 luglio 2012 @ 19:24
  • Memecaster!!
    di EricGix1974Johnson (utente non più registrato) | 20 luglio 2012 @ 21:14
  • Eric Johnson day
    di stratochild - accordiano #32734 | 20 luglio 2012 @ 21:24
    • Su "Souvenir"
      di Tyler Durden - accordiano #10062 | 23 luglio 2012 @ 16:51
      • Re: Souvenir
        di stratochild - accordiano #32734 | 23 luglio 2012 @ 18:16
    • Manhattan
      di memecaster - accordiano #27954 | 23 luglio 2012 @ 22:05
      • Re: Manhattan
        di stratochild - accordiano #32734 | 24 luglio 2012 @ 15:54
        • L'idea era...
          di memecaster - accordiano #27954 | 24 luglio 2012 @ 16:04
  • Grande Eric!
    di esseneto - accordiano DOC #12492 | 21 luglio 2012 @ 00:03
  • Bella esperienza
    di davo - accordiano #31664 | 21 luglio 2012 @ 10:32
    • Se vuoi è stata proprio ...
      di memecaster - accordiano #27954 | 23 luglio 2012 @ 22:15
      • Chitarrista anti-sborone!
        di Tyler Durden - accordiano #10062 | 24 luglio 2012 @ 01:55
  • Grande!
    di alessioshy - accordiano #12445 | 21 luglio 2012 @ 12:25
    --
    You're just an analogue guy in a digital world, aren't you?
  • ....e vaii!!!
    di mariocaster73 - accordiano #22356 | 28 luglio 2012 @ 09:50

Scrivi un commento

Accedi o crea un account per commentare.